Archivio degli articoli taggati 'avatar'

8 febbraio 2010 ore 19.06

Tutti parlano di avatar così ne parlo anch’io

Prima di iniziare il post ufficiale: nell’articolo scorso avevo promesso che avrei fatto un disegno su richiesta. Bene, secondo i miei calcoli, il vincitore è stato Principe!! Eccovelo dunque in tutto il suo pallore:

principuzz

Spero che vi piaccia! Per il prossimo disegno “a richiesta” temo che vi toccherà aspettare, perchè sto lavorando a qualcosa che… beh, penso che alcuni (anzi alcune) di voi troveranno di loro gradimento >w>. Prima o poi ve lo posto, e mi direte!

Dunque, passiamo alle cose “serie”.
(n.b: cercherò di non entrare nel dettaglio per evitare spoileroni, ma comunque non garantisco che non possa sfuggirmi qualcosa, quindi se non avete ancora visto il film siete avvertiti)

Avatar.
Bene, all’inizio ero decisamente scettica. In primo luogo perchè appena mi hanno detto avatar ho pensato a QUESTO avatar, (http://it.wikipedia.org/wiki/Avatar:_La_leggenda_di_Aang) di cui per altro sta uscendo il film, a cui hanno molto furbescamente accorciato il nome ne “l’ultimo dominatore dell’aria” omettendo quell’ “avatar “tanto compromettente.

Avatar__by_NeoSlashott

Un’altra cosa che mi rendeva scettica era questa:

GetAttachment

sono andata a vederlo comunque, per via di una mia certa convinzione, (che Queneau con il suo “Esercizi di stile” ha contribuito a cementare) ovvero che “non importa cosa si racconta ma come lo si racconta”.
Oh, e Cameron racconta a meraviglia! Non esagero quando dico che è dai tempi del Signore degli Anelli che non mi emoziono tanto per un film (e ragazzi, questo dice tutto!)
La storia sarà pure banale o ciò che volete, ma ti lascia incollati alla poltroncina per tre ore facendoti dimenticare persino di battere le ciglia.
Io l’ho visto due volte, in entrambe le dimensioni, e devo ammettere che il 3D (sebbene non ancora perfetto) ti dà veramente l’impressione di svolazzare tra le Montagne Hallelujah.
Ho apprezzato tantissimo il messaggio “ecologico” di sfondo, e l’atmosfera un po’ new age che permea il tutto, perchè diciamocelo: alcune persone, se certi concetti non glieli spari al cinema o alla televisione, devono aspettare che gli si sciolga l’Artico prima di preoccuparsi di queste cose.
La prima volta che l’ho visto sono andata con un’amica, e tornata a casa ho saltapicchiato ovunque blaterando frasi sconnesse con un sorriso ebete stampato in faccia. La seconda volta sono andata assieme a tutta la mia famiglia, e a saltapicchiare ovunque blaterando frasi sconnesse con un sorriso ebete stampato in faccia siamo stati in cinque. Quindi ho sviluppato una teoria: sono i colori. I colori (prevalgono i primari) sono meravigliosi e ti tritano i neuroni lasciandoti euforico come dopo aver ascoltato “Le nozze di Figaro”, e il ritmo della narrazione è talmente serrato che ne esci attonito come dopo una giocatona di otto ore a Final Fantasy.
Ma la cosa che mi è piaciuta più di tutte, senza ombra di dubbio, è il design dei personaggi.
Ragazzi, i Na’vi sono spettacolari.

un-primo-piano-di-jake-sully-con-i-tratti-del-na-vi-in-una-scena-del-film-avatar-140141

e con questo sorrisone di Jake Sully vi lascio, consigliando (a chi ancora non l’avesse fatto) di fiondarsi al cinema senza aspettare un attimo di più.